Archivi tag: venezia 72

Venezia Holocaustico #666

Debbo confessare un fatto: Venezia regge la baracca giusto perché io abbia qualcosa di cui scrivere una volta all’anno per tenere vivo il blog, e viceversa. Quindi sì, tutta colpa mia, perdoname  madre por mi vida pazzariella.

valà dai

MA
ma allora porca madonna! (ce lo so che è scontata ma che ci posso fare) comunque se hanno fatto un film danzerino sulla madonna è solo colpa di quel mocio  vileda di wenders che dopo che ha fatto high school musical 3D o cosa era ha convinto la gente che la danza contemporanea sia una cosa intelligente da mettere in un film, e quindi tò beccatevi i gesù cristi e la sabbia che esce dalla vaggina, cioè manco le battute ci posso fare su che è già na barzelletta di suo sto film

LA MEMORIA DEL AGUA

cioè già che mi fai un film sul figlio morto di qualcuno, ma oh cazzo li fate a fare i figli se non per farli morire giovani, che divertimento c’è, poi pure spagnoli siete. comunque il top è il vez che se ne esce coi discorsi tipo ANNOI NON CI SERVIVA GLI INTERNETS CI ABBASTAVA PARLARE ed è pure serio. e poi cioè c’è il bimbo morto ma NESSUNO LO DICE e ci sono GLI INDIZIONI tipo che per tre ore ti riprende l’acqua della piscinetta e capisci che è morto bruciato o no qualcosa di simile. ah e poi limonano malissimo.

JIA

cinque ore di cinesi che fanno cose da cinesi per spiegarmi che i vecchi dovevano morire da piccoli e  la famiglia è lo sterco del demonio e si dovrebbe ritornare ai bei tempi quando i figli venivano percossi e indotti alla prostituzione o almeno li vendevi per due asini e un cesto di patate.

UN MONSTRUO DE MIL CABEZAS

come diceva scuotilancia: tanta casciara pe nulla. comunque è tutto talmente fuori fuoco che mi sono scese due diottrie.

BEASTS OF NO NATION

finalmente un film che è anche un bel campionario di negrezza. teggiuro ce sta di tutto: i negretti bambini che ballano pieni di ritmo nel sangue e ridono coi dentoni, ridono sempre eh che cazzo se ridono boh infatti poi diventano negretti che fanno la guerra non si sa bene dove come però coi capi etnochic firmati che ce li ha pure bello figo nel prossimo video e poi finalmente si digievolve in bimbo negro con le mosche negli occhi unicef e finalmente ci viene spiegato che la guerra è brutta, meno male.

BOI NEON

se ci stanno i rasponi ai cavalli diventa il mio film preferito di sempre subito.

FRANCOFONIA

boh cioè ma che davero, in pratica c’è sokurov che fa alberto angela e spiega la rava e la fava e fa le battute e io boh dico aò alessa’ ma che hai iniziato a prende il lexotan, io voglio i russi coi denti marci che si disperano nelle case diroccate con le pareti marce in tinta coi denti, non le frociate dentro al louvre con i ciccioni vestiti da napoleone e tu che chiami su skype l’amico tuo per fare le porcherie. che poi dentro al louvre c’avrà girato due scene in tutto che probabilmente l’hanno cacciato fuori prima che delirava di europa unita e pulita, mica come tsai che da bravo musogiallo si era nascosto nei condotti nell’aria.

BLACK MASS

minghia sì avevo proprio bisogno di un film di gangster che fanno le cose dei gangster e dicono le cose dei gangster che popo tu te metti l’ha che in pratica già l’hai visto tanto è tutto uguale e al massimo sei sorpreso dal dente marcio di johnny depp, che qui interpreta il difficile ruolo di un pelato. poi c’è uno con la faccia da tonno sempre con la bocca mezza aperta popo da infilarci il cazzo dentro a spada tratta attradimento e poi altri famosi che fanno altre cose da gangster tipo parlare a denti stretti dicendo cose gangster tipo tu zio è un carabbiniere, a faciolarooo ecc.

MOUNTAIN

c’è una che c’ha voja de scopa però non scopa. c’ha pure il cimmitero dietro casa e tu dici ma come non ne approfitti? no, non ne approfitta, dimmi te.

BANAT

io boh veggiuro all’inizio c’hanno messo na vecchia a dire le SOZZERIE perché secondo loro fa ridere che la vecchia dice che la sua cagna s’è scopata tutti i cagni del parco (ehehehe che matte risate) e ogni tanto dice CAZZO e giù risate come i caprioli dalle mundagne. poi bo ce stanno sti due che sono allocchi proprio e quindi boh come guarda un bollitore che se rovescia il nervoso capito. poi a na certa scopano e lei c’ha i capezzoli che sembrano tipo due sottopentola di gomma e io me so un po preso paura, poi però la scopata era così protratta che ormai era come se fossero miei amici da un sacco di tempo, i capezzoli non i due branzini sottosale dio ce ne scampi, e in ogni caso recitavano meglio dei due branzini di pocanzi che ve li ricorderete perché li ho appena nominati due volte nella stessa frase (LIVELLO DI METAFICTION ALTISSIMO QUI REGAZ, john barth sei un pupparuolo). poi ci so dei rumeni che rumenano tantissimo coi canti sbronzi e i violini a manetta giustamente sennò non se capiva che stavano in romania, poi brucia tutto e allora sì. però più che altro no.

EQUALS

me spiegate che c’è de male in un futuro dove nessuno prova emozioni? cioè dai io non vedo l’ora. l’angoscia vera è pensare che esista un regista così perverso da ipotizzare un futuro dove tutti indossano le espadrillas.

EL CLAN

trapero se sente matto perché mette le musichette mentre la gente fa le cose male di rapimenti e pestaggi vari, però glielo dice qualcuno che è un cojone al posto mio? grz.

AH poi ho scoperto una cosa interessante cioè la quantità di film di merda è inversamente proporzionale alla merda vera che io riesco ad espellere in questi giorni di residenza venessiana, capite bene quanto sto tribolando.

Lascia un commento

Archiviato in ma anche no, opinioni non retribuite, supposte